NEUROLOGIA ed ESAME ELLETROMIOGRAFICO

Dott. Massimo Morelli
Dott. MASSIMO MORELLI

SPECIALISTA IN NEUROFISIOPATOLOGIA

Visite Neurologiche

Esami Elettromiografici

Massimo Morelli – MioDottore.it

L’esame  Elettromiografico è, per definizione,  una estensione, un approfondimento della visita Neurologica, in pratica studia il nostro sistema nervoso periferico e ci aiuta  ad individuare alterazioni  a carico del secondo neurone di moto, radici nervose e nervi periferici e perfino nel muscolo ( miopatie/miositi).   L’esame, scarsamente invasivo, non doloroso, lievemente fastidioso e quindi ripetibile anche a breve distanza di tempo, é composto da due parti: una parte elettrica, in cui tramite uno stimolatore vengono applicate piccole scosse  ed una parte cosiddetta ” ad ago”, grazie alla quale, studiamo i distretti muscolari di interesse ai fini della diagnosi. L’esame è di primaria  importanza quando il paziente riferisce sintomi tipo riduzione della sensibilità, bruciore, formicolii, sensazioni di scossa elettrica, che possono nascondere polineuropatie periferiche ( diabete) e/o compressive al polso ( Tunnel Carpale), al gomito ( Ulnare), al tarso (Tunnel Tarsale) , ed all’inguine ( Meralgia Parestesica). Anche la riferita stanchezza agli arti superiori ed inferiori, ” la claudicatio neurogena”, i dolori a distribuzione radicolare ( cervico e lombosciatalgia) possono nascondere una sofferenza del Sistema Nervoso Periferico e/o primitivamente muscolare, facilmente individuabili con l’esame Elettomiografico. In riferimento alle compressioni radicolari lo studio delle onde F, che viene effettuato di routine dal sottoscritto, rende molto più sensibile la metodica e riesce ad individuare,  anche in fase preclinica, sofferenze anche lievi, causate ad esempio da ernie discali e/o spondiloatrosi, dando importanti indicazioni sulla condotta terapeutica. Vengono effettuati inoltre anche esami elettromiografici, diciamo meno di routine, tipo lo Studio del nervo Faciale, il Blink Reflex, la Stimolazione Ripetitiva ( Miastenia),  il Test  di Ischemia/ Iperpnea , e del   Plesso Brachiale,  per citare i principali.