MASSAGGIO IN GRAVIDANZA

003logo

“Il benessere che sente la mamma durante il massaggio si trasferisce direttamente al bambino”

 

La maggior parte dei professionisti preferiscono, per precauzione e per evitare eventuali problemi, astenersi dal praticare il massaggio nei primi tre mesi di gravidanza anche se non esistono dati certi che confermino o meno l’esistenza di un rischio effettivo.

In ogni caso va detto che i massaggi, se eseguiti da professionisti e in condizione di buona salute della mamma, non sono mai dannosi anche se ci sono delle accortezze da seguire. Buona regola rimane comunque chiedere prima un parere al proprio ginecologo sul sottoporsi o meno al massaggio in gravidanza.

Molti sono i benefici del massaggio sia a livello fisico che psicologico:

  • Miglioramento della circolazione sanguigna.
  • Miglioramento drenaggio liquidi, diminuendo gonfiore e pesantezza.
  • Miglioramento dell’ossigenazione dei tessuti molli e dei muscoli.
  • Rilassa le tensioni muscolari prevenendo fastidi a gambe e schiena.
  • Dona sollievo alle articolazioni.
  • Aiuta a mantenere una corretta postura.
  • Rilassamento e diminuzione dell’insonnia, rendendo il riposo maggiormente ristoratore.
  • Diminuzione del dolore della muscolatura sottoposta a tensioni e stress  per la gravidanza, e durante il parto.
  • Diminuzione dei livelli di noradrenalina (ormone dello stress).
  • Aumento dei livelli di ormoni come la serotonina e dopamina (che producono benessere generale e buonumore).
  • Diminuzione dei livelli di cortisolo (grazie alla diminuzione dello stress).

Rispetto a un massaggio classico, il massaggio in gravidanza si distingue dallo stesso per il diverso tipo di olio utilizzato, per le posizioni di massimo comfort tenute dalla mamma, per le manovre e la pressione usata e per i punti specifici da evitare prima e stimolare poi in prossimità del parto.

Il massaggio in gravidanza è un percorso di benessere che accompagna la mamma per tutto il periodo di gestazione e si modifica nel corso dei mesi per andare il più possibile incontro ai cambiamenti fisici ed emotivi della stessa. Durante i 9 mesi tutte le attenzioni sono rivolte al nascituro e spesso la mamma si dimentica di se stessa: con il massaggio si concede un momento di relax e di benessere molto importante in questo momento della sua vita.

Solitamente viene consigliato un massaggio a settimana per poi passare ad uno ogni 3/4 gg nell’ultimo trimestre.

Nel post gravidanza poi, il massaggio oltre ai benefici fisici sarà di grande aiuto anche a livello psicologico per scongiurare la ‘depressione post partum’.

Le neo mamme non dovranno dunque sentirsi in colpa nel concedersi un po’ di tempo per se stesse perché una mamma rilassata, oltre a stare meglio per se, donerà tranquillità al suo bimbo.

FABIO SCOTINI

Massaggiatore Professionale